2017

Fiorirà un giardino

Tre cose ci sono rimaste del Paradiso: le stelle, i fiori e i bambini.
(Anonimo)

Veramente in questa storia, ci sono i fiori e i bambini, ma mancano questa volta solo le stelle!  DSC_3095

Questa è la storia di Abigail che si innamora di un girasole e di un nastro arancione fluo: credevo di non riuscire a trovare la giusta tonalità, ma invece siamo riusciti ad accontentare la nostra piccola cliente.

Maggio è il mese delle rose, ma anche delle comunioni!

Per questo, la sweet table era un piccolo giardino in fiore: fiori dai vasi, fiori in feltro, carta crepla o cartoncino decoravano tutti i vasi pieni di confetti: dalla mandorla classica arrivando alla pesca, con un rimando a quelli contenuti nelle scatoline delle bomboniere.

Le bomboniere di Golose Creazioni https://www.golosecreazioni.com/ sono state il punto di partenza di questo allestimento: un girasole in pasta di fimo con una piccola calamita, modellato a mano posizionato su una scatolina con nastro arancione fluo. Ecco la vera bellezza: pulite, raffinate ma soprattutto personalizzate.

Se devo ripensare a come è nata l’idea della sweet table, riconosco che proprio il girasole mi ha dato lo spunto creativo per creare un giardino.

Avevo creato anche piccoli fiori montati su bastoncini di legno come ricordo ulteriore di questa comunione, utilizzabile magari come segnalibro, da lasciare come ulteriore omaggio ai partecipanti!

Il guestbook era formato da un piccolo puzzle su cui tutti gli invitati potevano lasciare il proprio messaggio: ricomponendolo all’interno un piccolo quadretto.

 

 

50 special

La fortuna nella vita è poter stare accanto alla persona scelta.  20170401_110826

La salute e lo stare insieme formano un duo veramente importante e inossidabile.

Ho avuto quindi la fortuna di organizzare un anniversario di nozze d’oro, un traguardo molto difficile da raggiungere oggi e quindi ancora più bello da festeggiare insieme.

Si può pensare che la tradizione di festeggiare questo anniversario derivi da una componente religiosa e quindi dalla Chiesa, ma le sue origini invece si ritrovano in una festa pagana, celebrata in Germania, nella quale la sposa era solita indossare una corona d’oro.

I 50 anni di matrimonio sono anche un’occasione per richiamare a sé la famiglia allargata, gli amici, insomma i tanti compagni di viaggio che hanno conosciuto la coppia.

Proprio perché è una festa così importante, niente è stato lasciato al caso:

  • Per la location si è scelto un luogo informale, nel verde, ma non troppo lontano da casa per agevolare tutti negli spostamenti. Insieme allo chef, abbiamo creato un menù fresco e che rispecchiasse i gusti dei festeggiati. Dopo alcuni sopralluoghi, la scelta è caduta su http://www.hotelmulinogrande.it/mulinogrande/. Con il bel tempo, abbiamo potuto condividere anche il magnifico giardino e bere il caffè all’aperto.
  • All’interno della struttura, ho allestito una confettata sui toni della trasparenza e dell’oro, all’interno di alcune vasche che avevano come scopo quello di raccogliere la farina dopo che era stata macinata. Una collocazione particolare ma molto apprezzata. I segnagusto con la scritta in oro, li ho creati con la tecnica ad embossing.
  • Per lasciare un ricordo agli invitati, ho creato delle piccole bustine di seta, sempre sui toni dell’oro, con due nastri e un fiore a cui è stato aggiunto un ciondolo con il numero 50. Dentro, 7 confetti oro e il biglietto scritto a mano dai due festeggiati! Inoltre, ho stampato alcune vecchie fotografie del matrimonio in cui si eseguiva il rito della consegna dei confetti e le abbiamo consegnate agli invitati del matrimonio presenti oggi come allora. Come un viaggio temporale di 50 anni.

Il tempo è stato dalla nostra parte regalandoci sole e un caldo fuori stagione.

E tutto è andato per il meglio.

White in the city

Si fa presto a dire bianco, c’è quello raffinato e quello dozzinale, ogni sfumatura ha un suo carattere proprio.
(Haruki Murakami)

 

Per il progetto di White in The City, presentiamo un contributo a due voci: il punto di vista di Manuela Martinelli Orlando wedding planner e il punto di vista di Elesta Travel, disegnatori di percorsi culturali. Tutti coinvolti dal rapporto con il bianco.

Una tela bianca. Ecco il primo pensiero che mi porta a pensare al bianco, quindi un nuovo inizio, una nuova possibilità e nuove dimensioni di crescita. E il matrimonio ne è proprio un esempio, poiché il bianco è sempre stato legato al segno della purezza e della verginità.

Per la wedding planner, il bianco è un colore può diventare un alleato, la base di partenza da cui cominciare ad analizzare e iniziare a creare il tutto, dove gli elementi di qualsiasi allestimento aumentano il loro impatto comunicativo, perché prendono la luce e l’energia che sprigiona il bianco.

Ma nello stesso tempo, il bianco risulta un nemico, perché ad un occhio inesperto esiste un solo tipo di bianco! Esistono molteplici toni del bianco (latte, perla, ottico, ghiaccio…) che se vengono affiancati tra loro non rilucono più, anzi! Dobbiamo stare molto attenti quando accostiamo più bianchi!

Per coloro che lavorano nel settore del matrimonio, il matrimonio è una idea legata all’abito da sposa, alle tovaglie bianche che coprono le tavole del banchetto nuziale, del bianco dei fiori (come i gigli o ranuncoli). Il bianco rispecchia la bellezza, il fresco e il pulito. Lo troviamo nello zucchero dei confetti che ci guardano dai vasi trasparenti di vetro sulla confettata.

Per accogliere gli ospiti, a casa dei genitori della sposa si prepara la tavola bianca, con dolci e salato e bibite per accogliere gli eventuali ospiti che arrivano a salutare la sposa prima di andare in Chiesa o in Comune per la cerimonia.

E il bianco può diventare anche un rumore: quello che fa l’abito da sposa nei suoi movimenti; i materiali diversi come la seta, il tulle, il pizzo si muovono e ne fanno la colonna sonora che accompagna le sue movenze.

Il bianco di un matrimonio in città che sceglie come location, luoghi intrisi di design e di storia.

Il bianco diventa simbolo di design e di nuova vita, soprattutto in quelle location che risorgono con una nuova vita e ospitano così nuove esperienze di festeggiamento.

Continuando sul discorso della purezza del bianco, vengono in mente i quadri bianchi di Enrico Castellani, in cui le texture creano composizioni geometriche regolari e il bianco cambia a seconda di come è illuminato dalla luce. Piero Manzoni, chiama le sue opere “Achrome” e lavora sulla superficie della tela con caolina, gesso e tessuto. Per Fausto Melotti in una fase della sua vita diventa più importante la forma (e non il colore) e la superficie materica del quadro.

Infine ”Whiteinthecity” diventa totale quando è una coltre di neve ad imbiancare tutta la città, confondendone le forme, le sagome, i volumi. Tutto è nascosto, avvolto, unificato.

 

 

 

 

 

Vento di Coccole e una parete da personalizzare

Chi mi conosce, sa che ho tantissimi capelli e quindi sono sempre dal parrucchiere: l’avventura che sto per raccontare inizia proprio così. Con un taglio di capelli e (in aggiunta) una manicure.

Parlando del mio lavoro di wedding planner e di allestimento, ho accettato una nuova sfida: allestire e DSC_7947decorare all’interno di un salone di bellezza 6 ripiani a muro di una parete retroilluminata, con il tema natalizio. Sono stata consapevole fin da subito che il Natale è il momento fondamentale per un negozio da poter essere ignorato: ero consapevole della sua importanza.

Insieme a Grazia e Francesca, titolari del salone, con un libero scambio di idee abbiamo definito il tema (con una analisi dei bisogni) con riferimenti ovviamente ai regali, al caldo delle emozioni e dei colori e dell’atmosfera di condivisione. Di conseguenza, i colori scelti sono stati il bianco e il rosso (colori presenti anche all’interno del salone) con una punta di verde. Inoltre, la nostra attenzione si è concentrata sul packaging, sulla confezione di scatole regalo per i prodotti acquistabili dalle clienti.

Quindi ho presentato il progetto e diverse soluzioni e siamo passate alla realizzazione che potete vedere nella galleria fotografica.

Tramite il mio lavoro ho trasformato, quindi, una meravigliosa parete creata per scopi di praticità e di esposizione in un luogo di comunicazione, integrato nel marketing e nei prodotti del salone di bellezza. Eh sì, perché ho mantenuto i prodotti in vendita: sono loro poi i veri protagonisti di tutto questo.

E adesso, per ogni mese o ricorrenza speciale ci divertiamo a creare sempre nuove dimensioni!

Intervista di ELESTA

Da sempre l’Italia è vista come una destination wedding: gli stranieri la scelgono perché diventi lo sfondo del loro matrimonio. Proprio in questa prospettiva, vi presento una dimensione del viaggio diversa da quella che conosciamo normalmente.

Oggi vi voglio presentare ELESTA http://www.elestatravel.it/

Gli sposi stranieri e italiani cercano qualcosa in più quando si rivolgono a me e usufruiscono del servizio Cover_2di wedding planner: cercano di costruire una wedding experience; gli invitati al matrimonio sono al centro di tutto questo meccanismo e devono essere coccolati e guidati verso una nuova esperienza.

A queste riflessioni iniziali aggiungiamo anche che noi italiani conosciamo ben poco il nostro Bel Paese: qui entra in gioco Elesta che si concentra esclusivamente sull’Italia, creando percorsi particolari, trovando un fil rouge dove nessuno lo vede.

Con un sito bianco e nero ci aiuta a far volare la fantasia: ELESTA rappresenta un concetto nuovo, che si apre a nuove riflessioni! Per questo è necessario sottolineare queste nuove dimensioni del viaggiare: con una attenzione ai particolari, trova molta similitudine in quello che cerco di mettere nei matrimoni.

L’attenzione per i particolari si vede anche nei servizi complementari del matrimonio.

Ho notato, inoltre, che nei miei clienti c’è una voglia molto forte di allontanarsi dalla spersonalizzazione di internet per creare qualcosa di totalmente tutto loro.

Un nuovo punto di vista per vedere tutto con occhi nuovi.

Conosciamo meglio ELESTA!

  • Chi si nasconde dietro ELESTA?
elena

Elena Sisti

Elena Sisti, bocconiana con master alla London School of Economics proveniente dal mondo della finanza, faceva business plan per progetti di infrastrutture, e Elisabetta Gavazzi, architetto con la passione per l’arte e la sua divulgazione tra i non addetti al lavoro.

  •  Chi sono i vostri clienti?

Prevalentemente stranieri amanti dell’Italia, che non sono qui per la prima volta, ma che tornano, dopo aver visitato l’Italia “da cartolina”, per scoprirne i sentieri meno battuti dal grande pubblico

  • Quali sono i servizi che offrite?
elisabetta

Elisabetta Gavazzi

Il disegno di un percorso personalizzato, assolutamente “taylor made” che segue le proprie passioni e curiosità: un’esperienza a tutto tondo nella italianità, che in quanto italiane, conosciamo molto bene. Ogni percorso è costruito nel dettaglio, dalle tappe culturali, alle esperienze nei laboratori artigianali, alla scelta del ristorante o dell’alloggio.

  • Avete un negozio?

No, perché i primi contatti sono sempre on line, prevalentemente via mail. Però abbiamo una bella vetrina, il nostro sito www.elestatravel.it e ci potete scrivere a info@elestatravel.it per fare tutte le domande che vi servono.

  • Quali sono i percorsi che hanno riscontrato maggior successo?

Quelli sui mestieri d’arte, come per esempio quello sul gioiello. Si inizia dal museo Poldi Pezzoli per capire come la storia ci insegna che un oggetto comincia ad esistere molto tempo addietro. Il percorso porta successivamente in una gioielleria, dove il proprietario illustra i suoi pezzi e la tecnica di alto artigianato che c’è dietro.

  • Come nasce la creazione di un percorso?

Da un’idea che segue un leitmotiv, da un dettaglio, da un tema, da una passione. In Italia c’è tutto, va solo cercato accuratamente. Il percorso – simbolo che abbiamo creato è quello sul BLU: un itinerario che va ad indagare la simbologia del blu nell’arte, come era ottenuto il prezioso pigmento, che effetto sensoriale fa il blu su di noi.

Il viaggio è un argomento che mi sta a cuore: il viaggio lo faccio insieme ai miei clienti, al loro fianco nel momento delle scelte e anche delle emozioni. Per questo, vi voglio presentare due percorsi tipo di ELESTA (giusto per farvi venire ancora di più voglia di viaggiare!):

  • Il primo percorso si chiama “Gioielli su misura” vi posso dire solamente che il punto di partenza è Cover_1il Museo Poldi Pezzoli e si entrerà in un piccolo atelier di un gioielliere. E la proposta di matrimonio viene di conseguenza J . E saprete chi chiamare! http://www.elestatravel.it/mestieri_itin.php?itinID=210
  • Il secondo percorso si chiama I chiostri del Rinascimento, direttamente nel cuore di Brera, per avvicinarsi ancora di più alla nostra città. Potrebbe essere una esperienza da regalare o da vivere insieme per ritagliarsi un momento tutto vostro. http://www.elestatravel.it/archit_itin.php?itinID=5

E ora non vi resta che contattare ELESTA Travel!

Il wedding Team: la Bridal Stylist

Il lavoro di wedding planner è un lavoro di team, di organizzazione e di gioco di squadra: tutti i particolari studiati per il giorno del matrimonio devono trovare il loro posto e la loro giusta dimensione.

La figura del wedding planner concentra la propria consulenza sugli aspetti organizzativi, tecnici, economici e pratici del matrimonio; cura l’organizzazione dell’evento e di tutti gli allestimenti, supervisiona il fatto che le scelte degli sposi siano in sintonia con la loro idea di matrimonio. Quindi lavorano tante figure all’interno di un matrimonio. Oggi ci focalizziamo sulla bridal stylist.

Sicuramente avete pensato che la wedding planner la bridal stylist siano la stessa cosa!

Ed invece no! Vi presento Sonia Chirico (www.soniachirico.it). Cresciuta tra Francia e Italia con sede a AICIVarese, da sempre appassionata di moda e stile, maturo le mie esperienze professionali presso diverse aziende del fashion collaborando con brand a livello internazionale dove seguo la consulenza di shopping e immagine del MADE IN ITALY. Membro AICI Association of Image Consultants International, e lavora attivamente Milano Firenze Lugano.

Lasciamo la parola a Sonia!

Partiamo con il dire che sono due servizi che viaggino in parallelo, si completano e c’è un giusto scambio di opinioni per rendere al meglio la cerimonia degli sposi, ma vediamo perchè e a cosa serve la bridal stylist?

La Bridal Stylist è una consulente d’immagine specializzata nell’abito da cerimonia e conoscitrice del mondo dell’abito da sposa, dell’etichetta del matrimonio, del Bon Ton e delle tendenze che uniscono il mondo del fashion con quello della cerimonia,

La bridal stylist accompagna la sposa nella scelta del look, tenendo conto delle caratteristiche fisiche e facciali della sposa, (creando la giusta armonia nell’insieme) del luogo dove si svolgerà la cerimonia, progetta e seleziona per voi Atelier, stilisti, parrucchieri e truccatori in grado di soddisfare gusto e desiderio della sposa, tutto questo avvera sulla base della propria  personalità, evitando così stress, perdita di tempo, insicurezza, ma soprattutto sarà un sostegno morale su cui poter contare nel giorno più bello e speciale della vostra vita.

La bridal stylist fornisce un servizio di consulenza oltre che alla sposa anche allo sposo, ai familiari e alle damigelle, che hanno voglia di distinguersi.