Senza categoria

Il battesimo di Diletta

Prima di iniziare a raccontare di questo evento così importante, pongo una domanda: veramente i clienti di una wedding planner sono one shot e non tornano?

La mia risposta è sicuramente NO!

I miei clienti sono differenti: con alcuni di loro, poi si struttura un legame veramente forte che rimane immutato negli anni. E torniamo a festeggiare insieme quei momenti fondamentali come il battesimo di un nuovo membro della famiglia.

Il matrimonio di Emanuela e Davide è stato celebrato nel 2014, a pochi giorni dal Natale: all’insegna dell’eleganza, del buon gusto e il nostro rapporto di totale fiducia, è stato allietato due volte dalla nascita prima di Bianca e poi di Diletta.

Il battesimo di Bianca era centrato sul racconto di “Alice nel Paese delle Meraviglie”.  

 Il 9 giugno 2019 è stato il giorno di Diletta: abbiamo cercato un agriturismo vicino a casa che rientrasse nel budget indicato, per poter vivere insieme alla famiglia questo momento. I colori scelti sono eleganti e sofisticati: di base il color avorio e successivamente abbiamo aggiunto anche il rosa cipria e il color fango, un colore molto particolare ma apprezzato per le sue sfumature.

Le scatoline delle bomboniere avevano la forma di un cartoncino del latte: la base avorio e le cocche dei nastri fango e rosa cipria, con un piccolo cuoricino di glitter rosa. 5 confetti alla mandorla raccolti in un tulle erano al suo interno. Per i piccoli invitati, ho creato delle piccole scatoline decorate con un orsacchiotto e al loro interno qualche caramella ripiena.

 

Sulla tavola della confettata, ho posizionato alcune giostre con i cavalli; alcuni contenitori di confetti e caramelle erano decorati con i cavalli delle giostre: un allestimento tenero e nei toni del rosa, una gioia nel dare il benvenuto ad un nuovo membro della famiglia.

Per condividere la loro gioia, i genitori di Diletta hanno poi effettuato una donazione ad un’associazione molto radicata nel territorio di Bollate (MI): www.davideildrago.it che segue diversi progetti sul territorio.

20190607_172445 20190609_175100 20190609_175102 20190609_175103 20190609_175224 20190609_175226 20190609_175230 20190609_175233

Un matrimonio favoloso!

“Le nostre scelte, Harry, mostrano ciò che siamo veramente, molto più delle nostre capacità”

Albus Silente (Harry Potter e la Camera dei Segreti)

 

La scelta di effettuare un matrimonio totalmente a tema Harry Potter dimostra quanto una coppia possa avere una passione, una condivisione totale senza remore. Ecco perché abbiamo creato un mood delicato e presente nel matrimonio di Barbara e Daniele.

Per dare un tocco sempre più veritiero, siamo partiti già dalla location: abbiamo scelto il Castello degli Angeli, una Chiesa sconsacrata che ci ha permesso di effettuare la cerimonia civile sotto il suo porticato (purtroppo maggio è stato un mese molto piovoso e freddo).

La sposa ha potuto prepararsi sia con make up e trucco nella suite del Castello, indossando il suo abito Nicole, e vivendo proprio l’emozione di vivere una favola. DSC_0014

 Quando è scesa al braccio di suo papà, il quartetto di archi ha cominciato a suonare e a rendere tutto ancora più romantico, con Daniele che la aspettava molto emozionato all’altare.

La partecipazione ricalcava, grazie anche all’utilizzo di una illustratrice, la convocazione a scuola di Hogwarths con inserito anche il biglietto del treno: abbiamo pensato proprio a tutto; per questo anche il menù, uno per ogni invitato, la Mappa del Malandrino scansionato da una mappa originale: che cosa si può volere di più!

Il tocco che ha fatto la differenza è sicuramente stato conferito dai centrotavola a tema, con materiali originali o creati appositamente per tutti i luoghi di Harry Potter: dall’orologio della Tana, passando da Ollivander, per tornare al famoso Quidditch, o al binario 9 e 3/4 .

Insomma, siamo stati catapultati in un mondo incantato che ha celebrato l’amore e il matrimonio di Barbara e Daniele davanti ad amici e parenti che hanno partecipato molto amorevolmente a questo grande giorno.

Nella confettata, sono apparsi poi alcune scatoline take away con alcuni personaggi di Harry Potter, attaccati alle mollettine; oltre ai confetti classici, gli sposi hanno scelto anche dei cuoricini neri

Anche la wedding cake ricalcava tramite il cake topper e altri elementi di decorazione come il Boccino d’Oro il tema di Harry Potter: è stato molto bello poter dare un tocco di fantasia per un momento celebrativo della nuova vita insieme.

DSC_0159 DSC_0143 DSC_0046 60557178_2254291344650766_4436206097233084416_n60408262_2254294831317084_1595630726135414784_n 60620262_2254293947983839_2504397667975561216_n 60642999_2254293084650592_3598043620260708352_n 60919559_2254292954650605_8330690288704028672_n 60960849_2254292547983979_5421786141160374272_n 61087777_2254291501317417_1069152346501545984_nDSC_0033 DSC_0039 DSC_0025 DSC_0027 DSC_0028DSC_0190DSC_0210DSC_0083 DSC_0084

Un matrimonio rock and chic

DSC_0005Le sensazioni sono i dettagli che compongono la storia della nostra vita.
(Oscar Wilde)

I matrimoni lasciano i ricordi, segni e dettagli.

Eleonora e Giovanni hanno lasciato parecchi segni ai loro invitati: una grande attenzione alla grafica, una passione bruciante per la musica e il gusto per il cibo. La location che ci ha fatto da teatro ti riporta alla mente quelle grandi ville in campagna, con un giardino e una sala unica molto molto grande, dove le famiglie possono riunirsi tutte sotto lo stesso tetto.

Ci abbiamo organizzato addirittura un concerto dal vivo, con il palco: insomma un grande avvenimento, con atmosfere che sono passate dall’atmosfera jazz fino al live!

Il colore dominante è stato il grigio, con un pantone specifico che abbiamo riportato nelle buste e in tanti altri aspetti del matrimonio; le bomboniere erano delle piccole spille con la grafica personalizzata degli sposi, coordinate ad un cartoncino per la donazione ad un Ospedale, simbolo che oltre al matrimonio c’è una vita, c’è qualcosa in più.

Anche se il tempo non è stato dalla nostra, ci ha preservato i momenti fondamentali: l’arrivo degli sposi alla cerimonia e il loro arrivo durante l’aperitivo; avendo una location ad hoc, il nostro piano B è stato organizzato con sicurezza, senza dover stravolgere più del necessario la nostra idea di evento.  E anche il catering ha potuto presentare al meglio il proprio servizio.DSC_0372

Eleonora indossava un modello di Inmaculada Garcia, stilista spagnola che si sta facendo conoscere da qualche anno all’interno del settore del matrimonio in Italia, per uno stile moderno, ricco di particolari ma per una sposa grintosa. Giovanni ha scelto un abito blu elegante, ma moderno personalizzato e talmente tanto a pennello che lo ha usato anche per suonare dal vivo insieme alla sua band!

Gli invitati hanno quindi partecipato al grande giorno di Eleonora e Giovanni, come se gli sposi parlassero ad uno ad uno, senza tralasciare nulla.

Ed è vero che i particolari fanno sempre la differenza: il mio lavoro è quello di incastrarli e di rendere l’evento armonico ed omogeneo.

DSC_5821 DSC_5834 DSC_5811 DSC_5677 DSC_5673 DSC_5668 DSC_5563 DSC_5542 DSC_5514 DSC_5489

 

 DSC_0276DSC_0449

L’amore si tinge di blu

Provate a chiedere alle persone attorno a voi qual è il loro colore preferito.

Vedrete che la maggior parte di loro vi risponderà blu.

Gran parte del mondo è blu, il cielo che ci sovrasta, il mare che delimita le nostre terre; il blu è affidabilità, appartenenza e lealtà.

(Lisa Guerrini)

 

E come dice la frase sopra riportata, senza tanti giri di parole, il blu è affidabilità, appartenenza e lealtà. Proprio quello che ho percepito quando ho conosciuto Valeria e Nicola: una coppia leale con un grande senso di appartenenza tra loro. Li ho conosciuti in fiera, caso strano, perché in tutti questi anni di attività non avevo mai partecipato ad una fiera: li ho visti, abbiamo parlato di un tableau ricco di caramelle. Ho percepito subito chiarezza e voglia di fare qualcosa di diverso, ma sempre elegante.

 

Ed io ho cercato di realizzare il loro progetto.DSC_0101

 

Valeria e Nicola dimostrano che il servizio di wedding planner può intervenire a giochi già fatti, ma che può applicare un sigillo di garanzia, una continuità creativa, un mood, un fils rouge che gli invitati possono percepire.

 Siamo partiti dalla progettazione del tableau con il tema delle caramelle HARIBO: vasi ermetici decorati con un cuore blu glitterato che simboleggiassero i tavoli, tutti diversi, e anche con un bel cucchiaio per aiutare gli invitati ad assaggiarle!

Ci siamo poi dedicati alle partecipazioni: eleganti, sobrie e romantiche su carta avoriata leggermente lavorata, con una busta davvero importante e l’invito tondo legato all’annuncio, ovviamente con un nastro blu.

DSC_0008Ma il tocco più bello è venuto con il menù: appoggiato al sottopiatto di vetro, un menù a segnalibro con una pennellata blu e sul retro le pietanze.

 Da qui in poi, mi sono dedicata alla conoscenza dei fornitori già coinvolti e abbiamo, insieme agli sposi, definito la tabella di marcia: per rispettare il loro volere e i loro tempi. Perché questo è l’importante.

 E’ stato un matrimonio che ha messo in luce proprio quel senso di appartenenza alla famiglia (i bimbi al centro), una festa con tanta buona musica, ma soprattutto l’amore di una coppia.

 

 

 

DSC_5928 DSC_5918DSC_5927DSC_0036DSC_0074DSC_6011DSC_0180DSC_0206DSC_0221

  • Le bomboniere gastronomiche
  • Le bomboniere gastronomiche
  • Le bomboniere gastronomiche
  • Le bomboniere gastronomiche
  • Le bomboniere gastronomiche

Esistono tante tipologie di bomboniera, ma una nicchia importante per noi Italiani e per gli sposi che vengono dall’estero, è rappresentata sicuramente dalle bomboniere alimentari.

Ma togliti dalla mente di regalare un prosciutto!

Siamo la patria del gusto, quindi i prodotti da regalare sono tutti corredati da certificati di qualità: devi vivere una esperienza sensoriale.

Le bomboniere alimentari non conoscono una stagione in particolare, sono sempre adatte perché si adattano ai tuoi colori e alla tua ambientazione e alla scelta di allestimento.

Chi sceglie di regalare una bomboniera alimentare?

Tutti coloro che vogliono diversificarsi ed essere diversi dagli altri: i particolari fanno sempre la differenza.

Con le bomboniere alimentari, si possono creare percorsi di gusto, legando il prodotto scelto alle pietanze del menù, partendo dall’aperitivo: l’olio, la confettura o il condimento scelto possono essere utilizzati nella preparazione del primo o del secondo, creando un fil rouge riconoscibile.

Per esempio, la presenza degli agrumi può essere collegata ai liquori, alle creme…

L’esperienza sensoriale passa attraverso lo sguardo e il palato: è la leva che genera la suggestione, il ricordo del tuo matrimonio,

Chi ti può aiutare meglio di Colori e Sapori (https://www.coloriesapori.com/, vincitori per 5 anni consecutivi del Contest di Matrimonio.com) nella scelta delle bomboniere alimentari? Serena e Giordano ti possono aiutare a rimanere nel tuo budget di spesa, perché la prima cosa da ricordare è che una bomboniera alimentare costa meno di quello che pensi.

no dei cavalli di battaglia di Colori e Sapori è l’aperitivo Rossomela: con una bassa gradazione alcolica,
può essere utilizzato da solo come aperitivo o con un vino frizzante, per creare un ottimo Spritz fatto in casa.

Rimani colpito da questo rosso intenso, tipico colore dell’amore e anche dal suo contenitore: una bellissima bottiglia a forma di cuore.Il contenitore della bomboniera alimentare può essere di diverse forme: è qui che torna in gioco la    novità e la personalizzazione; le bomboniere possono essere scelte qualche mese prima del matrimonio (di solito 5/6 mesi prima), insieme ai colori e alle decorazioni, come nastri e fiori.

Ma quello che è importante è l’assaggio: per quello consiglio di seguire un percorso di assaggi da Colori e Sapori per una panoramica dei vari prodotti e delle varie soluzioni.

E trovare così ciò che stai cercando!

 

 

 

Il bouquet: l’amico della sposa

Partiamo dall’idea che il bouquet è l’amico della sposa.

Eh sì!

Sarà il suo compagno che la aiuterà a tenere le mani impegnate nei momenti dove l’emozione è più forte, mentre scende dalla macchina, mentre percorre la navata…

Oltre a questo aspetto, il bouquet completa lo stile della sposa: è un accessorio importante che richiama i colori dell’abito o un particolare colore legato ai gusti personali della sposa.

 

Non deve necessariamente riprendere i fiori scelti nell’allestimento sia della cerimonia, sia del ricevimento, ma può essere qualcosa di completamente diverso.

Può essere tutto bianco o colorato: sono i fiori della sposa.

Ma deve essere sempre scelto con stile.

Consiglio alle mie spose di scegliere sempre fiori di stagione per una questione di costi, ma anche di coordinamento con il resto del matrimonio.

Ma come si porta?

La sua dimensione è proporzionata alla fisicità della sposa, alla sua altezza e ovviamente allo stile e all’ampiezza dell’abito: non deve essere né troppo grande né troppo piccolo, ma deve essere un elemento centrale su cui l’attenzione degli invitati e dello sposo si concentrerà.

Il bouquet ha una impugnatura (a gambi aperti o chiusi, una scelta stilistica) chiusa da nastro, si porta all’altezza dell’ombelico, con i gomiti vicino al corpo: cerchiamo di non brandirlo come una clava, ma con delicatezza!

Tradizionalmente il bouquet è l’ultimo regalo del fidanzato alla fidanzata; di solito la sposa lo sceglie da sola (anche se poi il conto viene pagato da entrambi ).

Il bouquet è consegnato a casa della sposa, insieme al bouquet da lancio, i fiori all’occhiello per gli uomini e magari i corsages: viene fotografato insieme ad altri accessori come le scarpe della sposa e il cuscino delle fedi.

 

MAV03256FB_IMG_1538629027761DSC_3134 Paolo e Daiana 01-08-2015_AG Fotografo (242) received_1575559986085804 r+c-113 p+m-93 giudici-107 FB_IMG_1531726014977 FB_IMG_1509613683855 FB_IMG_1493891530465 DSCF5890 dandrea-1065 baratto-130

La scelta dell’abito

“Quando devo iniziare a scegliere l’abito da sposa? “

Una domanda che mi sento ripetere abbastanza spesso.

La mia risposta è semplice, ma non scontata: il momento più corretto è dopo aver scelto la location.

 

Perché?

La location (villa, agriturismo, ristorante…) determina lo stile del matrimonio, l’idea del matrimonio stesso: ne respiriamo l’aria, ci immaginiamo percorrere la sala e ricevere i nostri ospiti.

Ecco perché l’abito viene subito dopo aver scelto il luogo del ricevimento!

La ricerca dell’abito si può fermare anche al primo atelier, non ci sono regole assolute sul numero di atelier che devono essere visitati, né tanto meno delle reazioni che può scatenare trovare l’abito giusto. Tutte le emozioni sono ben accette!

Una volta individuato un atelier, il mio primo consiglio è quello di provare gli abiti: non possiamo immaginare che cosa ci riserva un abito appeso ad una gruccia.

In più dobbiamo ricordare sempre che ci affidiamo a professionisti: alle mie spose, consiglio di seguire sempre cosa dice l’assistente alla vendita.

Proviamo, osiamo e soprattutto divertiamoci!

Per aiutare l’assistente vendita dovete comunque indicare un budget di spesa: non lo avete?

Non sapete cosa indicare? Indicate almeno una cifra di massima.

Ciò che non dovete dimenticare mai è che il vestito vi deve rappresentare.

Tutto deve essere centrato sulla vostra persona, non dovete scegliere per fare contento questa o quella persona: l’abito vi aiuta a sviluppare la donna che siete.

E’ l’Abito per eccellenza.

Ogni “mia” sposa ha trovato il suo abito e il suo stile: ecco perché il mio aiuto è fondamentale per la personalizzazione del vostro matrimonio.

 

Le bomboniere

DSC_7274 Una delle domande a cui rispondo più di frequente riguarda le bomboniere.

Ma vanno ancora scelte e regalate? Certamente!

Le bomboniere sono il regalo per i vostri invitati.

Il mondo delle bomboniere è molto vasto e le personalizzazioni sono quasi infinite:  bisogna sempre scegliere con amore!

Bisogna seguire lo stile dell’evento e del matrimonio, i colori e i gusti dei festeggiati e degli sposi.

Possono essere soluzioni creative o più classiche, ma saranno sempre una scelta corretta.

Il packaging è molto importante: comunica tantissimo per emozione forme e colori!

Ma alcuni elementi non conosco crisi, come le scatoline, sono piccoli scrigni che custodiscono i confetti alla mandorla d’Avola: possono essere sempre diversi grazie ai decori e i nastri colorati.

Sono personalizzati! DSC_6375

Il tavolo delle bomboniere o tavolo di rappresentanza viene allestito nella parte finale del matrimonio: vicino alla confettata, vicino all’uscita in modo che per gli sposi sia facile congedare i propri ospiti.

Anche il suo allestimento seguirà i colori e il mood del matrimonio, insieme ai gusti e alle particolarità dell’evento.

Se le bomboniere sono contate per gli ospiti è meglio supervisionare la loro consegna, in maniera elegante.

Il congedo degli ospiti diventerà automatico e naturale.

A parte testimoni e genitori, è meglio che il #packaging sia uguale nelle forme e nei colori per non fare “preferenze”.

DSC_4861 DSC_0006 (5)

FDD-2068

 

 

 

  • Le partecipazioni di matrimonio
  • Le partecipazioni di matrimonio
  • Le partecipazioni di matrimonio
  • Le partecipazioni di matrimonio
  • Le partecipazioni di matrimonio
  • Le partecipazioni di matrimonio

Le partecipazioni sono uno degli elementi fondamentali tramite il quale gli invitati visualizzano il vostro matrimonio: non bisogna sottovalutare questo aspetto.  E ci sono quindi piccole regole di galateo da seguire.

Il materiale cartaceo deve essere coordinato nei colori e nelle forme per tutto il matrimonio;  la partecipazione è il biglietto da visita dell’evento, ne determina lo stile e fornisce informazioni agli invitati (non solo pratiche).

Quando arriva la partecipazione per un matrimonio gli ospiti cominciano a fantasticare sulla giornata che vivranno; quindi quando scegliamo la grafica, il colore e lo stile dobbiamo pensare in generale all’atmosfera che vivranno gli invitati.

Una sensazione da non sottovalutare sicuramente è quella che suscita il tatto, quando si scopre la tipologia di carta: la carta ruvida o liscia, leggera o pesante dipende dal coordinato.

Le partecipazioni vanno consegnate dai 4 ai 6 mesi prima del matrimonio. In base alla tipologia della cerimonia, l’annuncio e l’invito potrebbero coincidere e le buste vengono scelte in coordinato.   In base alla scelta dell’organizzazione del viaggio di nozze, si prevedono dei piccoli cartoncini che riportano i dettagli dell’agenzia viaggio e/o del versamento presso cui fare riferimento.

Seguendo il galateo, va inserito prima il nome dell’uomo e poi quello della donna.  Per i parenti più stretti e amici è il caso di consegnarle a mano.  Se impossibilitati dalle distanze, possono essere spedite.  La scritta sulla busta è bene farla a mano, con intestazioni del tipo “Gentilissima Famiglia” senza titoli accademici: è una piccola coccola per gli invitati.

 

Claudio e Raffaella, un matrimonio luminoso

Non è vero che la stagione dei matrimoni inizia a maggio.DSC_9243

Per me, il matrimonio è sempre in stagione.

Un matrimonio è sempre la celebrazione dell’amore che sia fatto a maggio o a dicembre.

E così hanno fatto Claudio e Raffaella: hanno deciso di sposarsi il 20 febbraio 2016.

Le previsioni metereologiche funeste di neve o pioggia non hanno mai fatto capolino durante il periodo dei preparativi e forse è stato anche questo che ha garantito un sole pazzesco, 12 gradi di temperatura e un cielo da cartolina. E il loro matrimonio è stato ancora più luminoso e solare.

Claudio e Raffaella hanno coronato il loro amore, davanti ad un numero contenuto di invitati, dando vita ad un matrimonio raffinato grazie alla location, abiti e cibo ed elegante per il coordinamento dei particolari.

Il matrimonio religioso si è svolto nella chiesa accanto all’Istituto Scolastico in cui ha studiato Raffaella, un vincolo affettivo veramente forte e importante: la chiesa piccola, ma non troppo, allestita con composizione di fiori (tulipani, ranuncoli e fresie) su base verde spuntavano dalle panche e da alcuni cesti. Per rispetto della Quaresima, non abbiamo addobbato l’altare.

Claudio ha aspettato l’ingresso di Raffaella all’altare in un completo grigio tre pezzi: è il momento che preferisco in cui gli occhi si illuminano e tutto diventa chiaro.

La sposa era emozionata al braccio del suo papà, ma sempre molto lucida.

Il vestito di Raffaella ha riscosso molto successo: bianco, di tulle con scollo a cuore e una piccola velatura con ricamo che ricopriva le spalle. E’ stata l’apoteosi del romantico, con una piccola stola di lana appoggiata alle spalle. Capelli raccolti e un trucco naturale completavano il look di Raffaella, con un bouquet bianco di ranuncoli tulipani e fresie e un tocco di eucalipto.

E le scarpe nascoste sotto l’ampia gonna di tulle erano grigie!

L’accompagnamento musicale lo abbiamo studiato in modo che però si discostasse dalla tradizione, utilizzando brani diversi e molto personali.

Per agevolare lo spostamento di alcuni parenti giunti da Torino, abbiamo organizzato un servizio navetta per gli ospiti, con spostamento programmato dalla chiesa (alla fine della cerimonia) alla location e viceversa. Al ritorno anche gli sposi si sono aggiunti ai loro ospiti!

La location riprendeva i toni dell’oro e del grigio, in stile anni 20, un ricordo vago del Grande Gatsby (come lo ha definito qualche ospite!), il centrotavola era formato dal candelabro d’argento che conferiva ancora più importanza al tavolo e alla mis en place.

La confettata con 8 tipi di gusti riprendeva i colori lilla e grigio, con accenti di vintage oro e legno dati da alcuni oggetti della mia famiglia. Le bottiglie dello spumante per il taglio della torta erano personalizzate e sono state regalate agli invitati (ovviamente piene!) con un packaging elegante e sofisticato.

E per il gran finale un corner di cioccolato, alcolici e sigari: divertente e ben apprezzato dagli ospiti.