Come si struttura il menu di un matrimonio

Gli invitati hanno una memoria selettiva: che cosa si ricordano di un matrimonio a distanza di anni?

Si ricordano la location (villa, ristorante…), il vestito della sposa e poi il cibo: sono i tre elementi che ben strutturati possono rendere al meglio il matrimonio.

E’ su questo terzo aspetto che la mia attenzione, insieme a quella degli sposi, si concentra: l’imperativo è la personalizzazione. Tutte le forme di ristorazione si premuneranno di dirvi che il menù si può personalizzare.

Ma ci sono alcune cose che determinano la struttura del menù e del ricevimento:

Mise en place

1. Antipasto ad isole tematiche: ogni matrimonio si apre con un aperitivo a buffet che è in grado di coprire quasi tutti i gusti e le richieste degli invitati. A parte la buvette che presenta vini e aperitivi acqua e succhi, le isole sono tematiche e di solito non mancano i fritti, il pesce e il casaro. Ma tante sono le novità che si possono aggiungere, come per esempio angolo sushi e il tex mex.

2. Al tavolo: di solito, si inizia subito con i due primi. L’antipasto al tavolo non si presenta più, ma si inizia subito con il risotto seguito da una pasta fresca. Di conseguenza, per rendere più snello il servizio, si serve un secondo di carne perché il tempo trascorso al tavolo è di circa 1 ora e mezza. Ma ovviamente per la regola della personalizzazione si può aggiungere anche un secondo di pesce, arrivando quindi alle due ore di servizio.

3. Buffet di dolci e frutta: accompagnano la wedding cake e ormai sono immancabili. Sono davvero un trionfo di profumi e colori che gli invitati, anche meno golosi, apprezzano.

E’ possibile assaggiare la cucina di una location grazie alle prove menù che vengono organizzate sia collettive sia singole.

Il menù di un matrimonio

Ti è capitato sicuramente di ricordare di un evento grazie alle sensazioni provate mentre assaggiavi le varie pietanze.

Per i tuoi invitati funziona proprio così: uno dei loro ricordi più vividi, riguarda il palato.

E devi ricordare anche sono tre gli elementi che creano un matrimonio di successo:

  1. Il vestito da sposa
  2. Il cibo
  3. La location

L’avventura culinaria in un matrimonio inizia con un aperitivo a buffet, ricco di isole dove tutti sono liberi di assaggiare soluzioni appetitose: dai fritti al momento (in postazione o a passaggio), passando per l’isola del casaro, del pane, dei rustici, del pesce…

La durata di un aperitivo a buffet si assesta tra circa 1 h e mezza/due ore.

E’ il primo momento di socialità degli sposi con gli invitati e durante il quale gli sposi si assentano qualche minuto per effettuare il servizio fotografico in location.

Gli ospiti vengono fatti accompagnare in sala, dove si accomodano ai posti assegnati tramite il tableau de mariage.

Nella maggior parte delle volte, il menù al tavolo è costituito nella media di 2 primi (solitamente un risotto e una pasta fresca) e 1 secondo (solitamente di carne) inframezzati dal sorbetto.

Il servizio al tavolo dura circa 1 ora mezzo.

Non consiglio di fare due secondi (uno di pesce e uno di carne) a meno che il matrimonio non sia svolto in mesi invernali, o non ci siano altre esigenze legate a tradizioni famigliari.

Per questo è possibile personalizzare il menù, per i gusti degli sposi ma anche per il rapporto della stagionalità del cibo che è sempre meglio rispettare.

Ciò che è diventato immancabile è sicuramente il buffet di dolci e frutta: una esperienza per i golosi e non solo che attraversa varie esperienze di gusto e che accompagna il dolce per eccellenza.

La wedding cake simboleggia la festa, l’unione e la fine del ricevimento formale: è spalleggiata dai due buffet, dalla confettata e dall’open bar.

FB_IMG_1531573550994 DSC_0198 DSC_0184 IMG_1509