Che cosa significa essere un organizzatore di eventi?

Che cosa significa essere un organizzatore di eventi?

Bella domanda.

Significa per prima cosa metterci la firma e in seconda battuta anche la reputazione (non solo social), proprio nell’ottica di quello che è stato chiamato, in questi anni, l’economia della reputazione.

Mettere la firma in un evento significa avere il controllo di tanti aspetti: da quello organizzativo, passando per l’aspetto logistico e terminando per quello creativo.

La vera sfida è sempre quella della personalizzazione.

La personalizzazione è il vero motore del cliente che ricerca il mio aiuto come consulente: ha in mente un progetto, ma non sa come fare o non ha il tempo di organizzarlo.

Tu che cerchi una wedding planner senti la necessità di un aiuto organizzativo, ma soprattutto senti l’esigenza della totale personalizzazione del tuo matrimonio: deve avere determinate caratteristiche che rispecchino la tua personalità, i tuoi gusti.

Spesso, mi viene rivolto un complimento che adoro: il matrimonio rispecchia gli sposi.

Le richieste del cliente vengono prima di ogni altra cosa.

Ma ovviamente abbiamo un modo di esaudirle, perché siamo esseri umani.

La mia firma si legge in trasparenza, nell’organizzazione, nell’allestimento, nella creatività, nel supporto logistico, nell’allestimento, nei fornitori che presento. Si percepisce.

Ma non sempre il cliente l’accetta: se ci pensiamo, questo scambio è alla base di ogni singolo rapporto umano tra le persone; bisogna accettare la componente emozionale, un rapporto umano, una crescita insieme.

L’insieme di questi aspetti permette di creare un evento personalizzato in tutti i sensi.

 

f9d1217e-cd57-4d62-8613-0a7b6c47a321

 

Il menù di un matrimonio

Ti è capitato sicuramente di ricordare di un evento grazie alle sensazioni provate mentre assaggiavi le varie pietanze.

Per i tuoi invitati funziona proprio così: uno dei loro ricordi più vividi, riguarda il palato.

E devi ricordare anche sono tre gli elementi che creano un matrimonio di successo:

  1. Il vestito da sposa
  2. Il cibo
  3. La location

L’avventura culinaria in un matrimonio inizia con un aperitivo a buffet, ricco di isole dove tutti sono liberi di assaggiare soluzioni appetitose: dai fritti al momento (in postazione o a passaggio), passando per l’isola del casaro, del pane, dei rustici, del pesce…

La durata di un aperitivo a buffet si assesta tra circa 1 h e mezza/due ore.

E’ il primo momento di socialità degli sposi con gli invitati e durante il quale gli sposi si assentano qualche minuto per effettuare il servizio fotografico in location.

Gli ospiti vengono fatti accompagnare in sala, dove si accomodano ai posti assegnati tramite il tableau de mariage.

Nella maggior parte delle volte, il menù al tavolo è costituito nella media di 2 primi (solitamente un risotto e una pasta fresca) e 1 secondo (solitamente di carne) inframezzati dal sorbetto.

Il servizio al tavolo dura circa 1 ora mezzo.

Non consiglio di fare due secondi (uno di pesce e uno di carne) a meno che il matrimonio non sia svolto in mesi invernali, o non ci siano altre esigenze legate a tradizioni famigliari.

Per questo è possibile personalizzare il menù, per i gusti degli sposi ma anche per il rapporto della stagionalità del cibo che è sempre meglio rispettare.

Ciò che è diventato immancabile è sicuramente il buffet di dolci e frutta: una esperienza per i golosi e non solo che attraversa varie esperienze di gusto e che accompagna il dolce per eccellenza.

La wedding cake simboleggia la festa, l’unione e la fine del ricevimento formale: è spalleggiata dai due buffet, dalla confettata e dall’open bar.

FB_IMG_1531573550994 DSC_0198 DSC_0184 IMG_1509

Il make up

Mentre leggi questo articolo, ti invito ad abbandonare tutti i pregiudizi sul trucco da sposa: il trucco non deve essere eccessivo, non deve essere pesante, non deve eliminare l’identità della sposa.

Insieme a tutti gli altri accessori della sposa, il makeup ne definisce lo stile.

La tendenza di questi tempi è sicuramente quello di creare un trucco leggero, quasi non esistesse: essere truccata, senza che si veda. E ti assicuro che è uno dei compiti più belli, ma anche più ardui.

Soprattutto quando si parla di un evento serale o di un evento estivo.

La sposa non deve rinunciare alla sua freschezza o al suo modo di essere: con il giusto makeup ne vengono messi in risalto i giusti elementi, i punti di forza del viso.

Magari ti verrà consigliato qualche tempo prima del giorno del matrimonio, una routine di pulizia del viso per rendere ancora più luminosa la tua pelle. I trucchi professionali sono ormai leggeri, a lunga tenuta anche per resistere al caldo e alle lacrime.

Come si ottiene questo?

Tramite le prove trucco in cui la MUA (makeup artist) sarà in grado grazie alle sue conoscenze e studi, di aiutarti nelle tue scelte: viene creata una scheda tecnica per i trucchi scelti e per identificare i colori da usare il giorno del matrimonio.

Per effettuare la prova, ti consiglio di aver scelto già il tuo abito.

Il giorno del matrimonio ti verrà rilasciato un piccolo kit con qualche trucco per il ritocco, come il rossetto o gloss o fondotinta.

 

Pagina 2

IMG_1013DSCF5887

Il bouquet: l’amico della sposa

Partiamo dall’idea che il bouquet è l’amico della sposa.

Eh sì!

Sarà il suo compagno che la aiuterà a tenere le mani impegnate nei momenti dove l’emozione è più forte, mentre scende dalla macchina, mentre percorre la navata…

Oltre a questo aspetto, il bouquet completa lo stile della sposa: è un accessorio importante che richiama i colori dell’abito o un particolare colore legato ai gusti personali della sposa.

 

Non deve necessariamente riprendere i fiori scelti nell’allestimento sia della cerimonia, sia del ricevimento, ma può essere qualcosa di completamente diverso.

Può essere tutto bianco o colorato: sono i fiori della sposa.

Ma deve essere sempre scelto con stile.

Consiglio alle mie spose di scegliere sempre fiori di stagione per una questione di costi, ma anche di coordinamento con il resto del matrimonio.

Ma come si porta?

La sua dimensione è proporzionata alla fisicità della sposa, alla sua altezza e ovviamente allo stile e all’ampiezza dell’abito: non deve essere né troppo grande né troppo piccolo, ma deve essere un elemento centrale su cui l’attenzione degli invitati e dello sposo si concentrerà.

Il bouquet ha una impugnatura (a gambi aperti o chiusi, una scelta stilistica) chiusa da nastro, si porta all’altezza dell’ombelico, con i gomiti vicino al corpo: cerchiamo di non brandirlo come una clava, ma con delicatezza!

Tradizionalmente il bouquet è l’ultimo regalo del fidanzato alla fidanzata; di solito la sposa lo sceglie da sola (anche se poi il conto viene pagato da entrambi ).

Il bouquet è consegnato a casa della sposa, insieme al bouquet da lancio, i fiori all’occhiello per gli uomini e magari i corsages: viene fotografato insieme ad altri accessori come le scarpe della sposa e il cuscino delle fedi.

 

MAV03256FB_IMG_1538629027761DSC_3134 Paolo e Daiana 01-08-2015_AG Fotografo (242) received_1575559986085804 r+c-113 p+m-93 giudici-107 FB_IMG_1531726014977 FB_IMG_1509613683855 FB_IMG_1493891530465 DSCF5890 dandrea-1065 baratto-130